Ballads – Dexter Gordon

Ballads è un album di Dexter Gordon registrato per la casa discografica Blue Note Records che comprende varie registrazioni (6 maggio 1961 – 16 settembre 1978) e pubblicato successivamente nel 1991.

Formazioni e Tracce:

  • Darn That Dream (Bass – Niels-Henning Ørsted PedersenDrums – Art TaylorPiano – Kenny DrewProducer – Francis Wolff Trumpet – Donald Byrd)
  • Don’t Explain (Bass – Butch WarrenDrums – Billy HigginsPiano – Sonny ClarkProducer – Alfred Lion)
  • I’m A Fool To Want You (Bass – Bob CranshawDrums – Billy HigginsPiano – Barry Harris Trumpet – Freddie Hubbard)
  • Ernie’s Tune (Bass – Paul Chambers Drums – “Philly” Joe JonesPiano – Kenny DrewProducer – Alfred Lion)
  • You’ve Changed (Bass – George TuckerDrums – Al HarewoodPiano – Horace ParlanProducer – Alfred LionTrumpet – Freddie Hubbard)
  • Willow Weep For Me (Bass – Pierre MichelotDrums – Kenny ClarkePiano – Bud PowellProducer – Francis Wolff)
  • Guess I’ll Hang My Tears Out To Dry (Bass – Butch WarrenDrums – Billy HigginsPiano – Sonny ClarkProducer – Alfred Lion)
  • Body And Soul (Bass – Rufus ReidDrums – Eddie GladdenPiano – George CablesProducer – Todd Barkan)

 

Oggi vi invito all’ascolto di un album che ha segnato in maniera precisa e delineata il modo di interpretare e suonare le ballads. Non a caso Dexter Gordon è stato sempre soprannominato il Re delle Ballads.

Un album pieno, corposo, che attraversa moltissimi tra gli standard più famosi della musica jazz.

Il sax di Dexter Gordon è magia, a tratti  sembra quasi esplodere per la forza del suono.

Paragonare la sua musica ad un fiume in piena è forse il modo più giusto per descrivere la bellezza che si prova ascoltando questo album.

Nulla in tutti i brani è lasciato al caso, niente crea distacco o noia, è come se tutto in un attimo si ferma, come quando si vuole raccontare una storia, un volto, una poesia.

L’atmosfera è calda, serena, a volte più triste, ma comunque mantiene sempre una linea rilassata e dolce.

Insomma, un disco che vale la pena possedere e ascoltare  ogni volta che si ha la possibilità di farlo.

Buon ascolto.

Precedente Thelonious Monk - Live At Berliner Jazztage (1969) Successivo George Duke Trio "It's On" Live at Java Jazz Festival 2010