Charles Mingus – Devil’s Blues – Live At Montreux (1975)

Quando hai di fronte la musica di Charles Mingus il lavoro si fa duro ed esprimere sensazioni e considerazioni non è sicuramente cosa facile e scontata.

Oggi voglio proporre alla vostra attenzione un live datato 1975 nello storico festival di Monterux ed in particolare guidarvi all’ascolto e alla visione del brano Devil’s Blues.

La formazione che accompagna Charles Mingus sul palcoscenico è composta da:

George Adams sax tenore e voce, Don Pullen al pianoforte, Jack Walrath ala tromba e Dannie Richmond alla batteria.

Il video è diviso in due parti per un totale di quasi quattordici minuti.

Un’esibizione da pelle d’oca, un blues trascinante e dei musicisti che riescono a rendere l’atmosfera magica ed energica.

Voglio soffermarmi oltre che sulla straordinaria capacità che Mingus ha di essere un leader, su ciò che dal mio punto di vista rende questo brano così accattivante a tal punto di lasciarti incollato allo schermo.

Ecco questa cosa si chiama George Adams, proprio lui, il sassofonista Americano che in con la sua voce raschiante riesce a reggere in maniera impetuosa questa musica piena di ritmo e groove. Il suo modo di stare sul palco, di comportarsi e di divertirsi è qualcosa che va oltre i confini del jazz, è qualcosa che va oltre lo studio della musica, è un qualcosa che se hai puoi sfoggiarlo altrimenti devi farti da parte e George questo fattore lo possiede eccome.

Altra nota importante è il solo al pianoforte di Don Pullen che in quei pochi minuti in cui ha la scena tutta per se, sfoggia tutta la classe che lo rappresenta cimentandosi in un solo che definirlo straordinario è dire poco.

In tutto questo deliro musicale la compostezza e la precisione di Charles Mingus è a tratti spaventosa, è come se fosse li per controllare se tutto andasse secondo i piani.

Un vero Leader, non c’è che dire.

Buon ascolto!

Precedente Michel Petrucciani - Satin Doll Successivo Le sette corde di John Pizzarelli

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.