Keith Jarrett Trio – Georgia on My Mind

Una delle poche certezze che mi accompagna da sempre è sapere che se metto play su qualcosa relativa al Keith Jarrett Trio vado sul sicuro.

Su questo non ci piove e credo non ci pioverà mai.

Keith Jarrett potrà avere mille difetti e magari non a tutti può andare a genio il suo modo di stare sul palco e relazionarsi con il pubblico, ma anche quello fa parte della sua musica, della sua personalità e probabilmente se non avesse queste caratteristiche non saremmo riusciti ad apprezzarlo allo stesso modo.

E poi, parliamoci chiaro, chi non ha dei difetti?

La perfezione non esiste… O almeno così dicono, perchè per me Jarrett ci va molto vicino, per non dire che la raggiunge.

Ma come sempre sono opinioni personali e non vorrei scatenare una discussione senza fine per queste mie parole.

Ma torniamo a noi, torniamo alla musica di questo meraviglioso trio.

Oggi vi propongo un quarto d’ora di pura goduria e di pura musicalità.

Il live postato a fine pagina è datato 27 Ottobre 1985 at the Jazz Jamboree.

Il brano in questione è la composizione di Hoagy Carmichael resa celebre da Ray Charles – Georgia On My Mind.

Come dicevo prima, sono quindici minuti di incredibile bellezza, in cui vengono messe in risalto le straordinarie doti musicali di questo trio. Pur essendo una ballad non c’è un attimo in cui è possibile rilassarsi, infatti ci sono cambiamenti ritmici continui e approcci stilistici completamente differenti. Potremmo dividere questo brano in più parti per analizzarlo e renderci conto di come è straordinaria la musica del Keith Jarrett Trio.

Ottimi ovviamente i soli di Gary Peacock e Jack DeJohnnette, ma come sempre il vero protagonista è Keith Jarrett.

Il suo pianismo è unico e riconoscibile anche ad orecchie tappate, non c’è nulla da fare, quando c’è lui la scena e i proiettori sono sempre indirizzati verso di lui.

I suoi fraseggi, la sua indomabile mobilità fisica sul pianoforte e il suo vociare un qualcosa di diverso da ciò che il piano sta cantando rendono inimitabile ed unico il suo stile.

Keith Jarrett non ha bisogno di essere elogiato perchè è la sua musica a parlare e questa esibizione ne è la testimonianza.

Buon Ascolto amici!

Precedente Baubles, Bangles and Beads Successivo Joan Chamorro e la Sant Andreu Jazz Band