Le sette corde di John Pizzarelli

Chi mi segue da più tempo conosce il mio amore incondizionato per la musica e la chitarra di John Pizzarelli. E’ inutile nasconderlo, io non posso fare a meno di ascoltarlo almeno una volta a settimana, in quanto John è uno dei pochi artisti in grado di trasmettermi un’importante energia positiva e condizionarmi in maniera giusta la giornata.

Figlio d’arte ( il padre è Bucky Pizzarelli )nella sua vita ha avuto la fortuna di crescere a contatto con la musica e i musicisti che contano, perfezionando al meglio la sua tecnica sulla chitarra e il suo stile musicale.

“Ho sempre detto che siamo un’estensione, io sono la versione del 21 ° secolo”.

Potete insomma capire quanto sia importante e doveroso per me dover condividere la sua musica con tutti voi per farvi avvicinare al suo fantastico mondo.

Non sono un tecnico e un musicologo quindi non voglio analizzarlo dal punto di vista stilistico in quanto lascio fare questo lavoro a chi di mestiere. Da parte mia, come al solito, avrete solamente le sensazioni personali e le emozioni che questo grande artista mi suscita.

Ho deciso di condividere con voi solamente due video, quelli per me più significativi e che rappresentano a pieno il mondo di John Pizzarelli.

In sequenza troverete : I got Rhythm e In a Mellow Tone

Tutti e due in solo così da apprezzare al meglio la sua arte.

Ovviamente su Youtube troverete moltissimi altri video che comunque vi invito ad ascoltare.

La sua musica e il suo approccio alla chitarra restano per me unici ed inimitabili, il suo senso del ritmo e i suoi assoli accompagnati all’unisono dal suono della sua voce sono un qualcosa che rende questo artista uno tra i miei preferiti, uno di quelli che quando lo ascolto non riesco a fare a meno di distrarmi neanche per un secondo.

John Pizzarelli è il classico esempio di chi è riuscito a crearsi uno stile, uscendo fuori da tutti gli schemi che circondano la musica e trovare qualcuno che possa somigliare a lui e al suo modo di suonare è quasi impossibile e questo dovrebbe essere tesoro di chi vuole un giorno diventare un musicista professionista.

Vi auguro di poter entusiasmarvi allo stesso modo in cui faccio io, nel frattempo vi auguro un buon ascolto!

 

Precedente Charles Mingus - Devil's Blues - Live At Montreux (1975) Successivo Barry Harris - Be My Love

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.